spacer
Sede Ente Parco Beigua (Muvita)
Home » Ente Parco » Newsletter » Aprile 2017

Migrazione primaverile del Biancone

Concluso il monitoraggio nel Parco del Beigua

Si è appena il monitoraggio di dodici giorni della migrazione dei rapaci diurni, condotto anche quest'anno dal 10 al 21 marzo, ai confini meridionali del Parco del Beigua, sui primi rilievi di Arenzano. Un periodo di controllo breve ma intenso, incentrato sulla migrazione del Biancone Circaetus gallicus come specie primaria la quale, nella seconda decade di marzo, raggiunge di norma il picco del proprio passaggio.

Sono stati circa 1800 gli esemplari conteggiati in questa "finestra" centrale di 12 giorni, un risultato di poco inferiore alla media degli ultimi sette anni: tuttavia la fenologia di migrazione di quest'anno ha evidenziato un transito massivo di bianconi ancor più anticipato che nel 2015, che, unitamente ad altri conteggi effettuati nei giorni successivi, sostanzialmente attesta la soglia al di sopra dei 2000 bianconi in movimento.

"Sulle colline di Arenzano la specie viene seguita da molti anni in forma standardizzata, non solo in migrazione pre-riproduttiva cioè a fine inverno-primavera, ma anche a settembre, in modo da avere un ulteriore elemento di verifica periodica, analisi e confronto dei contingenti di bianconi che si spostano attraverso la Penisola italiana: viene così a determinarsi una lunga serie storica di dati acquisiti nel Parco del Beigua, con oltre 37.000 soggetti complessivamente rilevati finora, davvero ragguardevole in tal senso – commenta Luca Baghino l'ornitologo che da molti anni segue nel Parco il fenomeno della migrazione dei rapaci - e funzionale a definirne l'andamento nel tempo ed altri aspetti legati all'ecologia delle popolazioni migranti".

Collateralmente al biancone, è da sottolineare quest'anno la consistente migrazione dell'Aquila minore, con i massimi valori dal 2004 per la sessione di marzo, insieme alla segnalazione di specie di comparsa più rara con areale di distribuzione nell'Europa orientale (Aquila anatraia maggiore, Albanella pallida).

share-stampashare-mailshare-twittershare-facebook