spacer
Sport outdoor nel Parco (Parco del Beigua)
Home » Turismo e sport outdoor

Aree verdi attrezzate

Nelle località più belle e frequentate del Parco sono state realizzate delle aree attrezzate e dei punti picnic presso i quali turisti ed escursionisti possono sostare per una pausa ristoratrice:

  • Pratorotondo
  • Pian di Stella
  • Meugge
  • Laboratorio Deiva
  • Castello Deiva
  • Giumenta Deiva
  • Curlo
  • Bric Falò
  • Eremo del Deserto
  • Persivalle
  • Cerusa
  • Piampaludo
In corrispondenza dei rifugi riconosciuti dall'Ente Parco (rifugio Pratorotondo e rifugio Argentea) e delle aree picnic è consentito accamparsi limitatamente alle ore notturne, per un massimo di 2 notti consecutive ed esclusivamente nelle zone appositamente indicate.  Le aree verdi attrezzate indicate per possibili attendamenti temporanei sono:
  • Area verde attrezzata loc. Pian di Stella (Monte Beigua)
  • Area verde attrezzata loc. Pratorotondo

Nelle aree verdi attrezzate abbiamo rimosso i cestini portarifiuti: per godere di un Parco sempre pulito, non abbandonare i tuoi rifiuti ma portali nei punti di raccolta più vicini rispettando le indicazioni sulla raccolta differenziata.

Consulta il depliant con i suggerimenti delle buone pratiche da adottare per mantenere il Parco pulito! 

Le regole per l'uso delle aree verdi e la fruizione del Parco 

1. Accendiamo i fuochi solo negli appositi spazi delle aree attrezzate
Il fuoco può essere acceso solo all'interno degli appositi spazi attrezzati nelle aree verdi. Il fuoco è subdolo, può covare per ore nella cenere, apparentemente spento, ma basta un alito di vento per farlo divampare  di nuovo; in pochi minuti, l'incendio si propaga e può assumere proporzioni   incontrollabili, distruggendo alberi che hanno impiegato decine di anni a crescere e mettendo in pericolo la vita di uomini e animali.
Attenzione alle sigarette: un mozzicone mal spento è spesso un innesco per gli incendi; non gettiamolo dal finestrino dell'auto e, se siamo a piedi, spegniamolo con un po' d'acqua o schiacciamolo contro una roccia o comunque dove non c'è nulla di infiammabile.

2. Manteniamo pulite e ordinate le aree attrezzate
Portiamo i rifiuti prodotti durante il picnic al più vicino punto di raccolta in prossimità dei centri abitati. Rispettiamo le attrezzature messe a disposizione del Parco perché tutti ne possano usufruire e manteniamo le aree pulite e in ordine.

3. Godiamo della bellezza degli alberi e dei fiori nel loro ambiente naturale
Incidere i tronchi, strappare piante, rami, foglie e fiori non solo è inutile ed insensato, ma è dannoso per l'ambiente naturale, che si impoverisce di vegetazione. Aiutiamo invece la natura a riconquistare il suo spazio.

4. Rispettiamo gli animali
Tutti gli animali hanno un ruolo preciso nell'equilibrio della natura; non alteriamo l'ambiente in cui vivono, non disturbiamoli e facciamo attenzione che il nostro cane sia sempre condotto con il guinzaglio.
Ammiriamo la tenerezza di un nido occupato, ma non tocchiamo le uova e non avviciniamo i cuccioli. In alcune specie di mammiferi la percezione dell'odore dell'uomo impedisce alla madre di riconoscere i piccoli che vengono così abbandonati.

5. Evitiamo i rumori inutili
Impariamo a godere del silenzio ed a riconoscere le voci e i suoni della natura; non inquiniamo l'ambiente con schiamazzi e musica ad alto volume, motori o clacson usati oltre il necessario. I rumori spaventano gli animali con il rischio che fuggano e si spaventino.

6. Rispettiamo il patrimonio geologico del Parco
Rocce, minerali, fossili, reperti archeologici che hanno impiegato miglia di anni a formarsi sono testimonianze irripetibili della storia della terra e dell'uomo, che perdono ogni significato se asportate dall'ambiente che ha contributo alla loro formazione. Non raccogliamoli e prestiamo attenzione a non danneggiarli.

7. Rispettiamo il lavoro dei contadini
Lavorare la terra, allevare gli animali e curare la campagna sono lavori faticosi: prestiamo attenzione a non compromettere il frutto di tanto impegno danneggiando le coltivazioni e infastidendo gli animali.

8. Seguiamo sempre i sentieri
I sentieri segnati sono di norma il percorso più agevole e sicuro per attraversare il Parco e la segnaletica aiuta a mantenere l'orientamento.

9.  Limitiamo l'uso dei mezzi a motore
Entriamo sempre con il dovuto rispetto nel cuore del Parco: eviteremo di danneggiare le coperture erbose, causare fenomeni di dissesto, inquinare l'aria e spaventare gli animali.
Lasciamo sempre auto e moto in appositi spazi di parcheggio dove non ostruiscano la circolazione, non invadano aree verdi e consentano il passaggio di mezzi agricoli o di soccorso.

10. Percorriamo con prudenza le strade carrozzabili
Spesso le strade di avvicinamento, di perimetro o di attraversamento di un'area parco sono strade di montagna, di limitata larghezza, con forti pendenze e ridotti raggi di curvatura. Anche la guida in queste aree deve tener conto dell'ambiente; siamo prudenti. Oltre ad evitare seri rischi di incidenti, avremo modo di apprezzare meglio il panorama che ci circonda.

Aree verdi attrezzate
(foto di PR Beigua)
Area verde attrezzata Alpicella
(foto di PR Beigua)
Area verde attrezzata Pian di Stella
(foto di PR Beigua)
Area verde attrezzata Pratorotondo
(foto di PR Beigua)
Area verde attrezzata Pian di Stella
(foto di PR Beigua)
share-stampashare-mailshare-twittershare-facebook