spacer
La Val Gargassa (Cristiano Queirolo)
Home » Geopark » Geoturismo » Siti di interesse geomorfologico

Il Forte Geremia

Lungo la strada per il Passo del Faiallo sono osservabili diversi affioramenti di roccia creatisi per effetto del taglio stradale sull'acclive versante.
Nella parte alta dei rilievi circostanti sono osservabili fenomeni di erosione superficiale, diverse frane, smottamenti e scivolamenti di detrito in gran parte dovuti alla naturale evoluzione geomorfologica.

Possono ben distinguersi i diversi tipi di processi alla base dei dissesti idrogeologici che i geologi chiamano incisioni incanalate o erosioni superficiali dovute alle acque di scorrimento. Forme particolari che si possono rilevare in quest'area sono i tor. Si dicono tor, o pinnacoli, particolari affioramenti rocciosi, sporgenti per qualche metro o per qualche decina di metri dalla superficie circostante. La roccia che costituisce le creste dei rilievi è spesso frammentata da fratture dove gli agenti atmosferici ed i processi di disfacimento erodono fortemente la roccia. In alcuni casi, a seguito di fenomeni erosivi, alcune parti di rocce, meno fratturate, risultano inalterate ed "isolate": andranno a costituire il tor.
Osservando queste valli si può percepire inoltre come questi aspri versanti siano naturalmente modellati e "scolpiti" dall'incisione dei corsi dʼacqua, da faglie e da frane di piccole e grandi dimensioni, generate per scorrimenti profondi o per movimenti di rotolamento superficiale.

Il Forte Geremia
Il Forte Geremia
share-stampashare-mailshare-twittershare-facebook