spacer
Sport outdoor nel Parco (Parco del Beigua)
Home » Turismo e sport outdoor » Rete escursionistica » Sentieri Natura

Il Percorso Ornitologico

A piedi         Elevato interesse: bird watching 
  • Tempo di percorrenza: 1 ore
  • Difficoltà: T - Turistico

Caratteristiche: sentiero dedicato agli aspetti ornitologici e degli habitat 

Accesso e punto di partenza:  Da Arenzano – loc. Terralba nei pressi del Muvita (Sede del Paco del Beigua) - con la strada comunale che conduce alla località Agueta.  In circa 1,3 km si raggiunge la loc. Curlo dove termina la strada percorribile in auto (sbarra in legno) si parcheggia l'auto nei pressi dell'area pic-nic, e si prosegue a piedi per circa 800 metri lungo la strada sterrata sino a giungere al Centro Ornitologico. (44°25'11"N -  8°40'13"E)

Per aumentare le opportunità di fruizione del Centro Ornitologico e di Educazione Ambientale in loc. Vaccà, l'Ente Parco ha predisposto un percorso tematico che si snoda per circa due chilometri attorno al Centro.

Il percorso insiste all'interno della Zona di Protezione Speciale "Beigua - Turchino", istituita ai sensi della Direttiva "Uccelli" 79/409/CEE dalla Comunità Europea, per la tutela e la salvaguardia di diverse specie di uccelli che vivono e/o transitano in migrazione sopra di essa. La ZPS ha un'estensione di circa 10.000 ettari e si sovrappone, in parte, al Parco naturale regionale del Beigua. Si tratta di un sentiero a tema avifaunistico, attrezzato con sette pannelli esplicativi dedicati ai tipi di ambienti naturali che si incontrano nell'area e agli uccelli più caratteristici del Parco del Beigua e della ZPS "Beigua - Turchino", con dettagli sulle loro esigenze o problematiche di conservazione.
Il percorso - che si sviluppa ad anello - prende avvio presso il Centro Ornitologico e di Educazione Ambientale in località Vaccà.

A metà percorso, sulla cima di Bric Cravieu, a 500 metri di quota e a circa 10 minuti di cammino dal Centro Ornitologico, è stata realizzata una torre d'osservazione, appositamente posizionata per rendere più agevole l'osservazione dei rapaci, soprattutto nei periodi di migrazione che ogni anno, a primavera ed in autunno, qualificano il territorio del Beigua come uno dei più importanti siti in Italia.

 
 
 
 

Visualizza a schermo intero     Scarica per Google Earth   Scarica in formato GPX

share-stampashare-mailshare-twittershare-facebook